Torta rovesciata di arance

Non vedo l’ora di tornare a uscire. Di andare a correre. Di entrare al supermercato solo per comprare il pane. Di mangiare con la mia famiglia. Di fare Crossfit. Ma nell’attesa non mi perdo d’animo, cerco di concentrarmi sul lavoro, mi godo le giornate più lente e penso alle cose positive che non credo avrei mai fatto se non fossimo stati obbligati, all’improvviso, più di quaranta giorni fa, a fermarci e stare a casa.
Non avrei mai ripreso a scrivere ricette, non avrei mai convinto Matte ad allenarsi con me, non avrei sfornato pane e brioche. E non avrei mai trovato le forze e la vaglia di preparare una torta il venerdì sera.

Fino a qualche settimana fa, arrivavo al venerdì sera esausta. Per la sveglia che ogni giorno suonava alle 6, per gli allenamenti ogni mattina, per il lavoro e le corse avanti e indietro per incastrare tutto. La calma a cui invece siamo costretti in questo periodo forse ci annoia, un po’ ci stupisce, ci stressa, ma sicuramente ci fa essere meno stanchi.

E allora ieri alle 22 ho acceso il forno e preparato una torta che non avevo mai fatto prima: la torta rovesciata all’arancia.
Ci vuole poco a prepararla, un po’ di più per cuocerla e aspettare che si raffreddi. Ma vale la pena attendere, perché è una delle torte più buone fatte negli ultimi mesi: soffice, profumata, deliziosa.

IMG_5620

IMG_5625

Avevo sempre snobbato le torte rovesciate per paura che, una volta capovolte, si distruggessero perché avevano caramellato male. E invece è stato più semplice del previsto e l’effetto è riuscito!

IMG_5635

Per la ricetta ho preso ispirazione dal blog di Simona, di cui ho replicato tante torte! Ho ridotto la quantità di zucchero, omesso la glassatura finale e sostituito l’olio di semi con quello di cocco.

INGREDIENTI
350 gr di farina 00
150 gr di zucchero semolato
70 gr di olio di cocco
3 uova
4 arance (medie)
1 cucchiaio di marmellata di arancia
1 bustina di lievito per dolci
1/2 cucchiaino di cannella
1 pizzico di sale
burro q.b.
zucchero semolato q.b.

PROCEDIMENTO
– Foderate con carta forno una tortiera con cerniera di 22/24 cm di diametro.
– Imburrate leggermente la carta forno, poi spolverate tutta la superficie con un paio di cucchiai di zucchero.
– Tagliate due arance a fette sottili (2/3 mm) e disponete le fette nella tortiera. Cercate di occupare tutti gli spazi, tagliando a pezzi più piccoli le fette di arancia.
– Versate due cucchiai di zucchero sopra le fette di arancia e mettete da parte la tortiera.

IMG_5601
– In una ciotola capiente unite le uova intere, lo zucchero, la cannella, il sale e la scorza di una delle arance. Mescolate prima con un cucchiaio di legno, poi usate una frusta elettrica e sbattete tutto per un paio di minuti.
– A questo punto aggiungete l’olio di cocco (morbido) e frullate ancora.
– Poi unite anche la farina e il lievito setacciati e mescolate ancora.
– Per ultimo unite il succo di due arance (usate anche quella a cui avete tolto la scorza!).
– Mescolate bene fino ad avere un composto omogeneo, poi versatelo nello stampo e distribuitelo delicatamente, per evitare di spostare le fette di arancia.

IMG_5608
– Accendete il forno a 180°, modalità statico.
– Quando il forno è caldo, infornate la torta e fatela cuocere a 175/180° per circa 35/40 minuti. Controllate la cottura con uno stuzzicadenti, se esce pulito il dolce è pronto.
– Sfornate la torta e lasciate raffreddare per 15 minuti.

IMG_5612
– Togliete l’anello dello stampo e rovesciate la torta su un piatto da portata. Rimuovete delicatamente la carta forno e fate raffreddare.

IMG_5616

Io non ho resistito e l’ho assaggiata ancora tiepida. Ma oggi a colazione era ancora più buona.

IMG_5618

IMG_5637

NOTE
– Conservate la torta in un contenitore a chiusura ermetica o in un porta torte. Rimane buona per 2/3 giorni.
– Potete sostituire le arance con i limoni, oppure usare farine diverse da quella 00.

Torta paesana

Siamo agli sgoccioli: Natale è alle porte.

Ci sono i menu di cene e pranzi e gli alberi addobbati. Ci sono persone in viaggio per raggiungere casa e ce ne sono altre che invece casa quest’anno non la lasciano. Ci sono i biglietti per il viaggio di Capodanno ma mancano i biglietti di auguri. Ci sono le lettere di chi ancora crede a Babbo Natale. Ci sono i regali di chi già a ottobre aveva le idee chiare mentre non ci sono quelli di chi anche quest’anno girerà per negozi il pomeriggio del 24. Ci sono i cesti il cui contenuto ci accompagnerà fino a gennaio inoltrato boicottando il buon proposito di iniziare la dieta, che tutti puntualmente ci facciamo ogni anno. E tutti puntualmente non rispettiamo.

Io ai miei buoni propositi per il 2017 non ho ancora pensato. Ma sicuramente in cima alla lista metterò la cucina. Voglio preparare la pâte feuilletée seguendo la ricetta del libro di ricette comprato in Francia e fare i croissant; voglio finire il libro sulla pasticceria lasciato a metà e scartare quello sulla pasta madre che mamma ha già messo sotto l’albero; voglio usare i kg di farina comprati su Amazon per fare torte, plumcake e biscotti; voglio sfornare pagnotte profumate ogni settimana e usare lo stampo per baguette acquistato due mesi fa e ancora chiuso dentro la scatola. E voglio continuare a scrivere ricette.

L’ultimo post del 2016 su Foodelizioso è l’ultima torta preparata nel 2015 e ancora non mi sembra vero che quest’anno intenso, denso, imprevedibile e imprevisto sia già (quasi) finito.
Un anno fa, a quest’ora, oltre a friggere struffoli, sfornavo due torte paesane, da mangiare durante la cena della Vigilia e il pranzo di Natale.

Processed with VSCO with c1 preset

La torta paesana ha origini contadine: nel nord Italia, le donne univano latte, pane e uova e zucchero, tutti ingredienti poveri a cui poi sono stati aggiunti anche cacao, uvetta e pinoli.
Non esiste “la” ricetta della torta paesana: ognuno ha la propria ricetta di fiducia, quella tramandata da mamme e nonne.
Ma una cosa è certa: è una torta buonissima. Non c’è burro, ma è comunque un dolce ricco e sostanzioso. È una torta compatta, umida, che profuma di arancia e mai troppo dolce per via del cacao amaro.
Ed è anche facile da fare: si sporca una sola ciotola e si amalgamano tutti gli ingredienti uno dietro l’altro. Poi si inforna, si lascia raffreddare.. e poi si assaggia!

Ingredienti:
300 gr di pane raffermo (preferibilmente tipo pugliese/pagnotta)
1 l di latte
120 gr di amaretti
120 gr di zucchero
2 uova intere
50 gr di cacao amaro
30 gr di pinoli
70 gr di uvetta
1 arancia

Procedimento:
– Prendete il pane raffermo, tagliatelo a cubi più o meno regolarti e mettetelo in una ciotola capiente.

img_20151224_144022– Scaldate il latte, senza farlo bollire, poi versatelo lentamente sopra il pane.
– Grattugiate la scorza dell’arancia e aggiungetela alla ciotola con latte e pane. Tenete da parte l’arancia.
– Coprite tutto con la pellicola trasparente e fate riposare per almeno mezz’ora: il pane deve ammorbidirsi bene, fino a sfaldarsi. Aiutatevi con una forchetta, mescolando tutto di tanto in tanto.
– Nel frattempo spremete l’arancia e nel suo succo mettete in ammollo l’uvetta.
– Sbriciolate gli amaretti (con il mixer o grossolanamente avvolti in un canovaccio) e aggiungeteli al composto di latte e pane.
– Unite poi anche le uova (precedentemente sbattute) e il cacao amaro. Mescolate bene.
– Aggiungete lo zucchero e mescolate ancora.
– Scolate bene l’uvetta e unitela al composto. Infine aggiungete i pinoli (tenendone una manciata da parte).

Processed with VSCO with c1 preset– Accendete il forno a 155°, poi imburrate e infarinate una tortiera di 26 cm di diametro.
– Versate il composto nello stampo, terminate con i pinoli rimasti. Infornate e lasciate cuocere per un’ora e 15 minuti circa.

Processed with VSCO with c1 preset

Processed with VSCO with c1 preset

Fatela raffreddare prima di gustarla e, se riuscite a resistere, mangiata il giorno dopo è ancora più buona.

Per risolvere l’eterno dilemma “panettone o pandoro?”, perché non preparare qualcosa di diverso e delizioso?

ggghk

I miei consigli:
– La ricetta originale prevedeva di cuocere la torta a una temperatura più alta per un tempo minore, ma dopo venti minuti in forno ho notato che la superficie della torta si stava scurendo eccessivamente. Quindi ho abbassato la temperatura e l’ho lasciata cuocere più lentamente.
– Se non avete pane raffermo, potete usare anche il pane fresco: tagliatelo a fette e tostatelo in forno per 15/20 minuti.